Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : Mens sana in corpore sano
  • Mens sana in corpore sano
  • : informazioni, news e curiosità legate al tema salute, intesa come benessere fisico e psicologico, perché ogni persona è il risultato dell'equilibrio tra psiche e soma
  • Contatti

Testo Libero

10 febbraio 2012 5 10 /02 /febbraio /2012 11:26

images-copia-4Il tam tam mediatico sul caso benzilpenicillina sta attraversando l’Italia. Dopo la regione Toscana, che coprirà le spese per i 3.000 pazienti in cura, è la Sicilia ad indignarsi per il rincaro folle del farmaco e il passaggio da fascia A, mutuabile, a fascia C, a totale carico del cittadino. Il presidente regionale dell’Associazione Consumatori Siciliani (ACS), Nicola Calabria, ha chiesto l’intervento diretto dell’Assessore regionale alla Sanità e del Presidente della Commissione Sanità per eliminare il disagio dovuto al passaggio dalla fascia A alla C del farmaco. "La Benzilpenicillina Benzatinica - sottolinea Calabria - è prodotta unicamente dall’azienda farmaceutica Biopharma, in una nuova formulazione già pronta per l’uso, in siringa pre-riempita." Per la soluzione del problema il presidente dell’ACS propone le stesse misure chieste da Cittadinanzattiva, “consentire l’importazione del farmaco dall’estero o la produzione dello stesso presso l’Istituto Chimico Farmaceutico Militare, visto che ha le capacità e le competenze.”

“La benzilpenicillina benzatinica – spiega Calabria - è un farmaco che serve per la profilassi della febbre reumatica, nelle recidive di infezioni delle prime vie respiratorie (tonsillite acuta, faringite), e per la profilassi delle malattie veneree (sifilide primaria, secondaria e latente). I pazienti affetti da sifilide non curata rappresentano un rischio maggiore per l'Aids”. “Riteniamo vergognoso – prosegue Calabria - che il costo del farmaco da maggio del 2011 è passato da 2 euro a 24 euro, con un rincaro del 1200%; tale aumento di costo è di fatto insostenibile per i malati ed inaccettabile, specie quando il farmaco viene utilizzato per la cura di patologie croniche, soprattutto in età pediatrica, come nel caso delle malattie reumatiche, e quando la cura con questo farmaco si rende indispensabile ed insostituibile oltre che salvavita.” Il presidente dell’ACS denuncia anche la problematica legata al nuovo formato, “si registra spesso l’esigenza – spiega Calabria - di dover utilizzare più fiale per l’improvvisa ostruzione della siringa, dovuta alla cristallizzazione della sostanza e quindi alla conseguente necessità di dover acquistare più fiale.” 

“L’Associazione – conclude il comunicato stampa dell'ACS - ha chiesto un intervento della Regione Siciliana presso il Ministero della Sanità, per evitare ulteriori disagi ai cittadini venendo incontro alle fasce deboli della popolazione e che si faccia carico come sta facendo qualche altra regione della somministrazione gratuita soprattutto per i casi di sifilide quale azione di contrasto al virus Hiv.”

 

Argomenti correlati

Allarme antibiotici, la claritromicina può danneggiare il cuore

Caro penicillina e spending review, riflessioni di un medico in pensione ieri su Repubblica

Benzilpenicillina di nuovo gratuita per la cura della sifilide e malattia reumatica

Benzilpenicillina, battaglia vinta, dopo il rincaro folle torna rimborsabile

In Italia la penicillina sale più dello spread, da 2 a 24 Euro senza rimborso

Benzilpenicillina, l’odissea di un 24enne per reperire il farmaco che cura la sifilide

Il caso penicillina approda alla rubrica del Tg5 “Indignato speciale” - VIDEO

Benzilpenicillina prodotta dall’Istituto Chimico Farmaceutico Militare, lo chiede Cittadinanzattiva all’AIFA

Benzilpenicillina, in Toscana erogata gratuitamente dal Servizio sanitario regionale

Il "caso penicillina" scatena il web, arriva la replica di Biopharma che produce il farmaco

Condividi post

Repost 0
Published by cristina reggini - in Farmaci
scrivi un commento

commenti