Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : Mens sana in corpore sano
  • Mens sana in corpore sano
  • : informazioni, news e curiosità legate al tema salute, intesa come benessere fisico e psicologico, perché ogni persona è il risultato dell'equilibrio tra psiche e soma
  • Contatti

Testo Libero

18 dicembre 2011 7 18 /12 /dicembre /2011 15:12

imagesCAFHNTR4.jpgAssumere MDMA (ecstasy) altera in maniera irreversibile la densità dei recettori serotoninergici. La sospensione dell’uso della sostanza non inciderebbe, invece, sulla concentrazione dei recettori stessi. E' questo il risultato di uno studio, sugli effetti legati all'assunzione di ecstasy, condotto da un team di scienziati della Vanderbilt University (Usa), pubblicato sulla rivista Archives of General Psychiatry.

I ricercatori americani hanno esaminato un gruppo di 24 donne, tra queste 14 assumevano MDMA, 10, invece, non ne facevano uso. La tomografia a emissione di positroni (PET), del cervello di chi assumeva ecstasy, ha evidenziato un aumento dei recettori della serotonina in diverse zone ceebrali. L’alterazione dei livelli del neurotrasmettitore rimaneva invariata anche dopo un periodo di astinenza. La serotonina è collegata a numerosi processi biologici e neurologici tra cui aggressività, ansia, appetito, apprendimento, memoria, umore, sonno e termoregolazione. Considerando la diffusione della sostanza tra i giovani e la tossicità cronica appena scoperta, si teme che il fenomeno ecstasy possa avere ripercussioni sulla salute pubblica più gravi di quelle finora preventivate.

 

Argomenti correlati

Reato di omicidio stradale per chi usa l’auto come un’arma, lo chiede un gruppo di associazioni con una proposta di legge da firmare sul web

Anche in Italia il gioco d’azzardo patologico diventerà una malattia, nel 2011 giocati oltre 75 miliardi di euro

Scoperto il collegamento tra noradrenalina e gioco d’azzardo patologico

Scoperto il collegamento tra alcol e oppioidi endogeni

Internet addiction, come riconoscere la dipendenza dal web

Condividi post

Repost 0
Published by cristina reggini - in Dipendenze
scrivi un commento

commenti