Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : Mens sana in corpore sano
  • Mens sana in corpore sano
  • : informazioni, news e curiosità legate al tema salute, intesa come benessere fisico e psicologico, perché ogni persona è il risultato dell'equilibrio tra psiche e soma
  • Contatti

Testo Libero

30 ottobre 2011 7 30 /10 /ottobre /2011 14:48

imagesCAU1HU6HIn Italia l’uso di farmaci cannabinoidi si scontra con il pregiudizio di chi vede nell’uso terapeutico della Cannabis l’affermazione del concetto che la droga non fa male e teme possa essere l’anticamera alla legalizzazione della sostanza. In Puglia la ragione ha vinto sui tabù e da circa un anno presso l’Ospedale Ferrari di Casarano, cinque persone affette da sclerosi multipla ricevono gratuitamente, ogni mese, il Bedrocan. Il farmaco contiene un 19% di THC e un 1% di CBD, è importato dall’Olanda e si ottiene da infiorescenze di tre specie diverse della pianta femminile della Cannabis. Un mese di terapia costerebbe ai pazienti circa 600 euro. I principi attivi contenuti nella canapa migliorano la qualità di vita dei malati di sclerosi multipla, aiutano a rilassare la muscolatura e ne prevengono gli spasmi, alleviano, inoltre, il dolore neuropatico. In generale i cannabinoidi sono efficaci per alleviare il dolore cronico nei pazienti affetti da AIDS, per limitare nausea e vomito provocati dalla chemioterapia, attenuano gli effetti dell’epilessia, sono utilizzati anche nei pazienti affetti da glaucoma, morbo di Parkinson e nella riabilitazione di traumi spinali.  

Il progetto dell’ospedale di Casarano è guidato da due donne: la direttrice del nosocomio, Gabriella Cretì e la dirigente del Servizio Farmacia, Agnese Antonaci. La dottoressa Cretì, ai microfoni della stampa, ha spiegato che “la somministrazione si comincia con piccolissime dosi e si va ad individuare quella che elimina il problema, il dolore, la spasticità.” “Non credo si possano realizzare gli effetti legati all’abuso del farmaco – precisa la direttrice del Ferrari - questo è un uso millesimato del farmaco.” La dottoressa Cretì ha spiegato che ci sono due modalità di somministrazione: sotto forma di infuso o attraverso nebulizzatore

Dal punto di vista legislativo la terapia è regolamentata da un decreto del 2001, firmato da Livia Turco, ex ministro della salute, che ha inserito i cannabinoidi tra i farmaci e da una delibera del 2010 della giunta regionale, firmata del presidente della regione Nichi Vendola, che ne pone l’erogazione a carico del servizio sanitario regionale. La sperimentazione che avviene nel sud del Salento ha evidenziato, purtroppo, tutti i limiti dell’attuale iter burocratico, regolato dall'art. 2 del DM 11/02/’97 (Importazione di specialità medicinali registrate all'estero). Si parte dalla prescrizione medica, completa di richiesta d’importazione e consenso informato del paziente, che va consegnata alla farmacia ospedaliera o dell’Asl territoriale di competenza. Quest’ultima invierà la richiesta al ministero della salute che dovrà rilasciare uno speciale nulla osta. A questo punto l’economato farà l’ordine all’azienda farmaceutica straniera che, a sua volta, prima di inviare i farmaci dovrà ottenere l'autorizzazione del proprio ispettorato alla sanità. Tutti i documenti cartacei vanno prodotti in originale, niente fax o e-mail. La possibilità di falsificare richieste e autorizzazioni è scongiurata, mentre la macchinosità della procedura raggiunge livelli da Guinnes dei primati.

 

Argomenti correlati

Allarme antibiotici, la claritromicina può danneggiare il cuore

Crociata del Rosario contro la medicalizzazione della cannabis

Condividi post

Repost 0
Published by cristina reggini - in Farmaci
scrivi un commento

commenti