Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog

Presentazione

  • : Mens sana in corpore sano
  • Mens sana in corpore sano
  • : informazioni, news e curiosità legate al tema salute, intesa come benessere fisico e psicologico, perché ogni persona è il risultato dell'equilibrio tra psiche e soma
  • Contatti

Testo Libero

14 gennaio 2012 6 14 /01 /gennaio /2012 15:40

imagesCASLQX7U.jpgUn recente studio inglese ha dimostrato che assumere caffeina e glucidi prima e durante una partita di calcio aumenterebbe le prestazioni dei giocatori, oltre alla loro resistenza fisica. La ricerca è stata condotta da un’equipe di esperti della Sheffield Hallam University, guidata da Mayur Ranchordas, professore ordinario e nutrizionista dello sport. La somministrazione di zuccheri e caffeina a un gruppo di calciatori ha prodotto un miglioramento sul piano della resistenza fisica e un significativo aumento del livello di abilità di gioco. Durante il test è stata simulata una gara di calcio in cui gli atleti hanno eseguito serie ripetute di scatti, dribbling e tiri di precisione. Nei tre di match di 90 minuti, con 2 sessioni di 45 minuti, i ricercatori hanno testato l’agilità dei giocatori, la capacità di dribbling, la precisione nei tiri e colpi di testa. I risultati hanno evidenziato negli atleti che avevano assunto drink a base di caffeina e glucidi, una capacità maggiore nel sostenere un’alta intensità di lavoro, una migliore capacità di dribblare e precisione nel tiro.

Il professor Ranchordas ha dichiarato: “Esistono molte ricerche che mostrano come caffeina e carboidrati siano in grado di aumentare la resistenza negli sportivi, questo studio dimostra che ci sono effetti positivi anche a livello di abilità ed esecuzione del gesto atletico”. “Queste scoperte – continua Mayur - ci suggeriscono come, per gli atleti che gareggiano in competizioni sportive dove resistenza e abilità sono fattori importanti, assumere drink a base di caffeina e glucidi, al posto di drink con soli glucidi, può migliorare in maniera significativa le performance.” “I calciatori – conclude il nutrizionista – oltre agli sport drink dovrebbero assumere caffeina e glucidi prima dell’inizio della partita e durante l’intervallo”. Lo studio inglese è certamente interessante, non va, però, dimenticato che la caffeina rientra tra le sostanze dopanti, sono sufficienti 6/7 tazzine di caffè per raggiungere il limite consentito, pari a 12 microgrammi per millilitro.

 

Argomenti correlati

In palestra senza funghi e verruche, il dermatologo ci dice come

Doping, dall’Italia un nuovo test per smascherare quello trasfusionale usato negli sport di resistenza  

Idoneità sportiva, ecocardiogramma obbligatorio per stroncare le morti sul campo

Calcio, defibrillatori a bordo campo per le morti che non fanno audience

Quando lo sport fa male, lo sforzo intenso e prolungato danneggia il cuore

Defibrillatori, diffusione capillare nei luoghi pubblici come in Europa e USA

Repost 0
Published by cristina reggini - in Sport
scrivi un commento
10 gennaio 2012 2 10 /01 /gennaio /2012 17:14

imagesCAONFSYGIn seguito al dibattito scatenato su blog e social network dall'articolo "In Italia la penicillina sale più dello spread, da 2 a 24 euro senza rimborso" (diffuso a livello nazionale il 31 dicembre 2011 dal sito "Lo Sportello dei Diritti") ho appreso della replica di Biopharma S.r.l., produttrice del farmaco. Per correttezza riporto per intero il comunicato stampa, pubblicato oggi dal quotidiano online Piacenzanight.com, identico, peraltro, a quello già inviato al Corriere della Sera e pubblicato il il 10 ottobre 2011.

"Premettiamo che Biopharma, ha permesso in Italia un decremento dei prezzi degli antibiotici betalattamici sin dal 1995, sviluppando per le maggiori aziende farmaceutiche antibiotici che sono stati presentati al mercato a costi notevolmente inferiori, generando un beneficio al Sistema Sanitario Nazionale ad oggi orientativamente quantificabile in circa 300 milioni di euro. Dopo che la Pharmacia Upjohn e la Solvay cessarono le produzioni e le commercializzazioni della Wicillina e della Diaminocillina (Benzil Penicillina Benzatina con nomi di fantasia), per motivi essenzialmente economici, la Biopharma è stata l'unica azienda che ha mantenuto in vita il prodotto Benzil Penicillina Benzatina Biopharma nella presentazione di flacone per uso iniettabile per diversi anni. Nel 2009 il produttore della materia prima del farmaco presentato come flacone in polvere dismise le produzioni e la Biopharma, con lo straordinario aiuto dell'AIFA, riuscì a registrare il prodotto in siringa preriempita, poiché l'unica materia prima disponibile oggi in mercato è formulabile in forma liquida, procedendo quindi a pesanti investimenti per costruire il nuovo reparto per tale nuova forma farmaceutica. A Giugno 2011 l'AIFA ha rilasciato il decreto per la vendita del farmaco, ma in seguito l'ufficio della Commissione dei prezzi non ha approvato il prezzo di vendita proposto da Biopharma per la dispensazione gratuita da parte del Servizio Sanitario Nazionale. Il nuovo prezzo è stato oggetto, come prevede la normativa vigente, di esame da parte della Commissione Tecnico-Scientifica dell'AIFA per valutare il rapporto costo/beneficio della nuova confezione. La Commissione ha valutato sfavorevolmente questo rapporto considerando non compatibile il nuovo prezzo con il mantenimento del farmaco in classe A, cioè rimborsato da SSN. E' per questo che, pur riconoscendo il valore terapeutico del farmaco, ne è stato deciso l'inserimento in classe C, cioè a totale carico del cittadino, al fine di mantenere la sua reperibilità. Notiamo comunque che il dibattito che è seguito sul blog manifesta una notevole conoscenza di una gran parte dei cittadini sull'effettiva origine dei problemi riguardanti il prezzo dei farmaci.Dai dati pubblicati dall'AIFA ,essendo la spesa farmaceutica convenzionata netta SSN, nei primi sei mesi del 2011, diminuita del -6,3% rispetto allo stesso periodo del 2010 ,ci auguriamo che la grande capacità di risparmio mostrata , non sia finalizzata alla crescita politica di singoli soggetti all'interno dalla struttura pubblica, ma occorra per conseguire economie tali da permettere la dispensazione di farmaci essenziali. Siamo quindi certi che la CTS dell'AIFA meglio valuterà la situazione, considerando l'importanza del prodotto e potendo decidere quali dei tantissimi farmaci debbano essere a carico del cittadino e quali dispensati dal Servizio Sanitario Nazionale. La Biopharma è fermamente disponibile a trovare una soluzione con l'AIFA che permetta la totale rimborsabilità di questo farmaco. Rivolgiamo al Professor Guido Rasi i migliori auguri per la nuova nomina di recente conseguita all'EMA, frutto di tanto lavoro in qualità di responsabile della CTS".

 

Argomenti correlati

Allarme antibiotici, la claritromicina può danneggiare il cuore

Caro penicillina e spending review, riflessioni di un medico in pensione ieri su Repubblica

Benzilpenicillina di nuovo gratuita per la cura della sifilide e malattia reumatica

Benzilpenicillina, battaglia vinta, dopo il rincaro folle torna rimborsabile

In Italia la penicillina sale più dello spread, da 2 a 24 Euro senza rimborso

Benzilpenicillina, l’odissea di un 24enne per reperire il farmaco che cura la sifilide

Benzilpenicillina, la Sicilia insorge e chiede l’intervento della Regione presso il Ministero della Salute

Il caso penicillina approda alla rubrica del Tg5 “Indignato speciale” - VIDEO

Benzilpenicillina prodotta dall’Istituto Chimico Farmaceutico Militare, lo chiede Cittadinanzattiva all’AIFA

Benzilpenicillina, in Toscana erogata gratuitamente dal Servizio sanitario regionale

 

Repost 0
Published by cristina reggini - in Farmaci
scrivi un commento
5 gennaio 2012 4 05 /01 /gennaio /2012 17:20

imagesCAWE8F2S.jpgUno studio recente ha dimostrato che i maltrattamenti in famiglia rappresentano per i bambini una forma di stress ambientale in grado di aumentare, in modo significativo, il rischio di psicopatologie future, tra cui l’ansia. La ricerca, guidata dal Dr Eamon McCrory, della Division of Psychology and Language Sciences e pubblicata su Current Biology, ha coinvolto un team di scienziati della University College of London (Regno Unito) e una equipe di studiosi dell'Anna Freud Centre (Londra, Regno Unito).

Lo studio è stato condotto su 43 bambini inglesi di dodici anni, 20 dei quali allontanati dalla famiglia d’origine in seguito a episodi di violenza domestica. I ricercatori hanno sottoposto i giovani a immagini di visi femminili e maschili con tre tipi di espressione, triste, arrabbiata e calma e monitorato l’attività cerebrale attraverso risonanza magnetica funzionale (fMRI). La comparazione dei risultati degli esami ha evidenziato come nei 20 bambini esposti a violenza familiare le immagini di visi arrabbiati andavano ad attivare proprio due zone cerebrali preposte all'allerta in caso di pericolo: l’amigdala e l’insula anteriore. Precedenti studi avevano evidenziato una reazione cerebrale analoga nei soldati reduci da missioni di guerra.

Il Dr McCrory, a capo della ricerca, ha dichiarato che i risultati ottenuti rappresentano “i primi indizi su come le regioni del cervello dei bambini possano adattarsi agli abusi tra le mura domestiche.” “Una migliore reattività a un segnale di minaccia come la rabbia – spiega McCrory - può rappresentare una risposta adattativa per questi bambini nel breve periodo, aiutandoli a rimanere fuori pericolo. Può, però, anche costituire un fattore di rischio sul lungo periodo, - conclude il ricercatore - aumentando la loro vulnerabilità a problemi di salute mentale come l'ansia”.

Repost 0
Published by cristina reggini - in Bambini
scrivi un commento
3 gennaio 2012 2 03 /01 /gennaio /2012 12:42

puerta.jpgCi sono vite perse sui campi da calcio come fossero campi di battaglia, morti di cui nessuno parla che in parte potrebbero essere evitate. Sono i decessi per arresto cardiaco che avvengono ogni anno nel settore dilettantistico e amatoriale, vite spezzate che un defibrillatore in campo potrebbe salvare. Dal 2006 al 2010 sono morti 338 giovani atleti dilettanti e amatoriali, il dato è stato rilevato dalla Fondazione G. Castelli, che tra i suoi obiettivi ha quello di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della prevenzione delle malattie cardiovascolari.

Sul quotidiano Avvenire dell’11 novembre 2011 il dottor Castelli, che ha vissuto in prima persona il dramma di perdere un figlio di 16 anni su un campo da calcio, per arresto cardiaco, dichiara: “Tra il 20 e il 40% degli atleti colpiti da arresto cardiaco sarebbe sopravvissuto se avesse ricevuto un’assistenza tempestiva: rianimazione cardio-respiratoria con eventuale intervento di defibrillazione, entro i 6 minuti dalla caduta a terra dell’atleta stesso”. ”Quando si capirà che la cultura dell’emergenza è cultura di vita, di attenzione all’altro e parte integrante di quella sportiva - conclude il dottor Castelli - allora avremo uno sport più sano che fa veramente bene alla salute e con il minor numero di vittime possibili”.  

Per saper utilizzare in modo corretto un defibrillatore, non è necessaria alcuna esperienza medica, per salvare una vita sono sufficienti poche ore di addestramento. La legge 201/2001, che disciplina la materia, consente l'uso del defibrillatore semiautomatico in sede extraospedaliera al personale sanitario non medico e al personale non sanitario, adeguatamente formato nell’attività di rianimazione cardio-polmonare. Una modifica alla legge ha consentito, inoltre, che i corsi di formazione possano essere svolti anche da organizzazioni medico scientifiche senza scopo di lucro e da enti operanti nel settore dell’emergenza sanitaria. Per il 2012 appena iniziato, auguriamoci che non si contino più i morti per gioco. 

 

Argomenti correlati

In palestra senza funghi e verruche, il dermatologo ci dice come

Doping, dall’Italia un nuovo test per smascherare quello trasfusionale usato negli sport di resistenza

Idoneità sportiva, ecocardiogramma obbligatorio per stroncare le morti sul campo

La caffeina nei calciatori aumenta l’abilità di gioco e la precisione della prestazione atletica

Quando lo sport fa male, lo sforzo intenso e prolungato danneggia il cuore

Defibrillatori, diffusione capillare nei luoghi pubblici come in Europa e USA

 

Repost 0
Published by cristina reggini - in Sport
scrivi un commento
2 gennaio 2012 1 02 /01 /gennaio /2012 10:39

imagesCA3FCHFC.jpgMentre in gran Bretagna il ministero della Sanità avvierà un’inchiesta sulle protesi PIP, in Italia, entro il 15 gennaio, sarà completato il censimento di tutte gli impianti al silicone “industriale” effettuati dal gennaio 2001 su tutto il territorio nazionale. L’Inghilterra, che in un primo tempo aveva rassicurato le oltre 30.000 donne portatrici di protesi PIP sui rischi rottura, sconsigliando l’intervento di rimozione, ha deciso di alzare l’allerta. I dati contenuti in un recente rapporto, inviato al ministero britannico, hanno segnalato un rischio rottura sette volte maggiore rispetto a quello finora considerato. Il ministero della Sanità inglese ha, così, deciso di avviare un’inchiesta per far luce sui rischi conseguenti alla rottura delle protesi e alla fuoriuscita di silicone.  Non è escluso che anche oltremanica, come già accaduto in Francia, le donne vengano invitate a rimuovere le protesi a spese del servizio sanitario nazionale.

In Italia, a seguito dell’ordinanza firmata dal ministro della salute Renato Balduzzi, è partito il censimento degli interventi di chirurgia estetica avvenuti negli ultimi 10 anni, in cui sono state utilizzate protesi PIP. Tutte le strutture ospedaliere e ambulatoriali pubbliche e private, accreditate o autorizzate, dovranno stilare, entro 15 giorni, un elenco nominativo degli interventi effettuati a partire dal primo gennaio 2001. La data degli impianti sarà notificata, tramite le Asl di riferimento, alle competenti autorità regionali, che entro 10 giorni invieranno i dati al Ministero. Al Comando Carabinieri per la tutela della salute è stato, invece, affidato il compito di svolgere accertamenti e indagini sui percorsi sanitari che hanno preceduto gli interventi chirurgici e sull’iter amministrativo seguito dalle strutture per l'acquisizione delle protesi PIP.

 

Argomenti correlati

La verità sulle protesi PIP 

Protesi PIP, ecografia gratuita per le pazienti dell’Istituto Europeo di Oncologia di Milano 

Occhi azzurri in 20 secondi con il ritocchino estetico all’iride  

Repost 0
Published by cristina reggini - in Chirurgia estetica
scrivi un commento
28 dicembre 2011 3 28 /12 /dicembre /2011 09:26

images-copia-3.jpgL’allarme per le protesi mammarie PIP coinvolge decine di migliaia di donne in tutto il mondo, in Italia le portatrici di queste protesi sono circa 4.300. LIstituto Europeo di Oncologia (IEO), attivo a Milano dal 1994 sotto la direzione scientifica del prof. Umberto Veronesi, ha invitato tutte le pazienti cui sono state impiantate protesi PIP a recarsi presso la struttura per una visita gratuita completa di ecografia mammaria.

Il comunicato stampa presente sul sito dell’istituto, informa che “non è attualmente dimostrato un legame causa-effetto fra le protesi PIP e l’insorgenza di tumori del seno”. Il rischio rottura, precisa il comunicato, esiste per tutte le protesi mammarie ed è legato al normale processo di usura, tuttavia, per gli impianti PIP questo rischio è più elevato. Lo IEO, conclude il comunicato, “è costantemente in contatto con il Ministero della Salute Italiano e provvederà a ricontattare le pazienti in caso di nuove raccomandazioni”.

Repost 0
Published by cristina reggini - in Chirurgia estetica
scrivi un commento
23 dicembre 2011 5 23 /12 /dicembre /2011 15:25

images-copia-2L’Unione Europea, con regolamento del 20 dicembre, ha vietato per i 27 paesi membri l’esportazione di medicinali utilizzati nelle condanne a morte. La norma prevede per le aziende farmaceutiche che esportano questi prodotti un'autorizzazione apposita, comprensiva della clausola che il farmaco non venga usato nelle iniezioni letali. Tra gli 8 anestetici barbiturici ad azione breve e intermedia di cui è vietata l’esportazione troviamo anche il tiopental sodico, utilizzato negli Stati Uniti per sedare il condannato e prepararlo alle fasi successive dell'esecuzione. Da gennaio 2010 la casa farmaceutica Hospira Inc., unico produttore statunitense, per motivi etici ha sospeso  la commercializzazione del prodotto. Quando le scorte di tiopental sodico sono finite, i penitenziari di massima sicurezza hanno iniziato ad esportarlo da case farmaceutiche europee.

“Di recente – si legge al punto 2 del regolamento - si sono verificati alcuni casi di prodotti medicinali esportati in paesi terzi che sono stati utilizzati per esecuzioni capitali, in particolare somministrando un’overdose letale mediante iniezione. L’Unione – prosegue il regolamento - è contraria alla pena di morte indipendentemente dalle circostanze e si adopera perché sia abolita in tutto il mondo. Gli esportatori hanno disapprovato la loro associazione involontaria con questo uso di prodotti da essi sviluppati per uso medico.” Il regolamento precisa che l’esportazione dei medicinali, nati come anestetici e sedativi, non deve essere assoggettata a un divieto totale. Il Centro d’informazione Usa sulla pena di morte ha reso noto che le esecuzioni capitali nel 2010 sono diminuite anche per la difficoltà di reperire il tiopental sodico.

 

argomenti correlati

Allarme antibiotici, la claritromicina può danneggiare il cuore

Vaccino anti Papillomavirus (HPV), una grande sperimentazione di massa?

Farmaci e sole, da Aifa alcune linee guida per evitare effetti indesiderati

Caro penicillina e spending review, riflessioni di un medico in pensione ieri su Repubblica

Benzilpenicillina di nuovo gratuita per la cura della sifilide e malattia reumatica

Bufala Fendimetrazina, farmaco per dimagrire vietato per legge torna prescrivibile sulla stampa nazionale

Benzilpenicillina, l’odissea di un 24enne per reperire il farmaco che cura la sifilide

Benzilpenicillina, la Sicilia insorge e chiede l’intervento della Regione presso il Ministero della Salute

Il caso penicillina approda alla rubrica del Tg5 “Indignato speciale” - VIDEO

Il "caso penicillina" scatena il web, arriva la replica di Biopharma che produce il farmaco

In Italia la penicillina sale più dello spread, da 2 a 24 Euro senza rimborso

Fendimetrazina per dimagrire: 3 morti, un'inchiesta, 9 indagati

Pillola dei 5 giorni dopo, farmaco anticoncezionale o abortivo?

Farmaco a basso costo per smettere di fumare

Canada: Prozac sul banco degli imputati, avrebbe indotto un 16enne a uccidere l’amico

Repost 0
Published by cristina reggini - in Farmaci
scrivi un commento
21 dicembre 2011 3 21 /12 /dicembre /2011 14:03

imagesCASZK1LME’ una bella notizia quella riportata il 15 dicembre 2011 dal New York Times. Gli Istituti Nazionali di Sanità (National Institutes of Health - NIH), si legge sul quotidiano, hanno sospeso ogni tipo di sovvenzione a favore della ricerca biomedica e comportamentale sugli scimpanzé. Lagenzia del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti, spiega Francis Collins, direttore dei NIH, ha accettato le linee guida rilasciate da un comitato di esperti dell’Institute of Medicine, secondo le quali la maggior parte della ricerca sugli scimpanzé non è necessaria. Collins ha poi aggiunto che questi animali, come parenti più stretti dell’uomo, meritano “particolare attenzione e rispetto”.

I gruppi animalisti che da anni lottano contro la sperimentazione sui primati hanno considerato una vittoria la decisione dei NIH, anche se non mette la parola fine a questo tipo di sperimentazione è un importante passo avanti in quella direzione. La strada è ancora lunga, ma segnali come questo fanno sperare che in futuro la ricerca possa progredire anche senza l'utilizzo di cavie da laboratorio.

Repost 0
Published by cristina reggini - in Medicina
scrivi un commento
18 dicembre 2011 7 18 /12 /dicembre /2011 15:12

imagesCAFHNTR4.jpgAssumere MDMA (ecstasy) altera in maniera irreversibile la densità dei recettori serotoninergici. La sospensione dell’uso della sostanza non inciderebbe, invece, sulla concentrazione dei recettori stessi. E' questo il risultato di uno studio, sugli effetti legati all'assunzione di ecstasy, condotto da un team di scienziati della Vanderbilt University (Usa), pubblicato sulla rivista Archives of General Psychiatry.

I ricercatori americani hanno esaminato un gruppo di 24 donne, tra queste 14 assumevano MDMA, 10, invece, non ne facevano uso. La tomografia a emissione di positroni (PET), del cervello di chi assumeva ecstasy, ha evidenziato un aumento dei recettori della serotonina in diverse zone ceebrali. L’alterazione dei livelli del neurotrasmettitore rimaneva invariata anche dopo un periodo di astinenza. La serotonina è collegata a numerosi processi biologici e neurologici tra cui aggressività, ansia, appetito, apprendimento, memoria, umore, sonno e termoregolazione. Considerando la diffusione della sostanza tra i giovani e la tossicità cronica appena scoperta, si teme che il fenomeno ecstasy possa avere ripercussioni sulla salute pubblica più gravi di quelle finora preventivate.

 

Argomenti correlati

Reato di omicidio stradale per chi usa l’auto come un’arma, lo chiede un gruppo di associazioni con una proposta di legge da firmare sul web

Anche in Italia il gioco d’azzardo patologico diventerà una malattia, nel 2011 giocati oltre 75 miliardi di euro

Scoperto il collegamento tra noradrenalina e gioco d’azzardo patologico

Scoperto il collegamento tra alcol e oppioidi endogeni

Internet addiction, come riconoscere la dipendenza dal web

Repost 0
Published by cristina reggini - in Dipendenze
scrivi un commento
16 dicembre 2011 5 16 /12 /dicembre /2011 11:27

image.jpgL’omicidio di due senegalesi a Firenze e gli incendi in un campo Rom di Torino dimostrano che l’Italia non è immune al razzismo. Chi classifica gli esseri umani in base all’etnia dimostra ottusità mentale e ignoranza. Contro la prima non c’è antidoto, l’ignoranza, invece, si può combattere con il sapere. Un parere autorevole sull’argomento ci arriva da Guido Barbujani, professore di Genetica all’Università di Ferrara, che ritiene scientificamente provata la biodiversità, mentre considera priva di ogni fondamento la diversità razziale e le teorie che su quel concetto si basano. L’argomento è stato dibattuto da Barbujani nel corso della 3° Conferenza Mondiale di Science for Peace, tenutasi il 18 e 19 novembre all’università Bocconi di Milano. Con il suo intervento “Gli africani siamo noi il genetista italiano ha voluto ribadire “che da lì veniamo tutti, come ci insegna lo studio dei resti fossili e del DNA. E quindi tutta l'umanità è composta da migranti, più o meno recenti, anche se a volte tendiamo a dimenticarcelo".

“E’ vero – ha spiegato il professore – 40 mila anni fa qui c’erano gli europei e allora avrebbero potuto essere ben distinti dagli africani. Ma poi si sono estinti.” “Al loro posto, più recenti – continua Barbujani - troviamo scheletri dalla forma come la nostra, cranio compreso, classici scheletri di africani. Antenati che, prese le mosse dall’Africa orientale, attraverso la Palestina trovarono condizioni più favorevoli e arrivarono in tutta Europa, e poi oltre”. Barbujani, che col suo gruppo di lavoro studia “biodiversità umana” attraverso l’analisi del Dna di popolazioni antiche e moderne, ha sottolineato che già nel 1961 l’antropologo Frank Livingston negava l’esistenza di razze affermando, invece, la biodiversità, intesa come un continuo di differenze tra le persone senza salti o fratture.

Repost 0
Published by cristina reggini - in Società
scrivi un commento