Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : Mens sana in corpore sano
  • Mens sana in corpore sano
  • : informazioni, news e curiosità legate al tema salute, intesa come benessere fisico e psicologico, perché ogni persona è il risultato dell'equilibrio tra psiche e soma
  • Contatti

Testo Libero

24 gennaio 2012 2 24 /01 /gennaio /2012 01:23

imagesCAQXMSH4Da

Da fine settembre 2011 è disponibile sul web una guida pratica gratuita per pazienti, familiari e medici che si trovano ad affrontare le difficoltà e i disagi causati dal disturbo bipolare. La vita a due velocità è scaricabile dal sito disturbobipolare.info e da cittadinanzaattiva.it, inoltre, al numero 06.54.17.093 e attraverso il sito disturbobipolare.info, è possibile richiedere, sempre gratuitamente, una copia stampata  La guida ha superato le 4.000 copie, arrivando alla seconda ristampa in meno di quattro mesi. Il manuale è la versione italiana dei risultati della ricerca multidisciplinare di un Comitato Editoriale e di uno Steering Committee che riuniscono sedici tra i maggiori specialisti e le più rappresentative Associazioni di pazienti a livello europeo. Il progetto editoriale e la diffusione italiana è sostenuta da Bristol-Myers Squibb, mentre Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato è tra le Associazioni italiane che hanno partecipato alla stesura della guida.

Il disturbo bipolare compromette gravemente la qualità di vita di chi ne è affetto. L’alternarsi di fasi depressive e maniaciali, o ipomaniacali, anche se intervallate da periodo di remissione dei sintomi, mettono a dura prova le relazioni sociali, i legami familiari e l’attività lavorativa dei pazienti. Inoltre la malattia porta con sé un alto rischio di mortalità, 30 volte superiore a quello della popolazione normale, un 19% delle persone affette dal disturbo muore suicida. Le ipotesi sulle cause della malattia rimandano a fattori biologici, genetici e ambientali. L'incidenza totale del disturbo arriva all'1,2% negli uomini e all’1,8% nelle donne. Attualmente una cura definitiva per questo tipo di malattia non esiste, anche se un’adeguata terapia farmacologica e psicoterapica consente ai  pazienti di convivere con il disturbo, conducendo una vita soddisfacente sotto il profilo delle relazioni sociali, affettive e lavorative. 

Condividi post

Repost 0
Published by cristina reggini - in Malattie
scrivi un commento

commenti

trucchi newslot 02/07/2012 10:27

uhm...grazie, ma non mi fido tanto del mio medico di base. Vedrò come fare

trucchi newslot 01/25/2012 08:42

visto che mi ci riconosco, come faccio a sapere se ne sono affetto? da chi devo andare?

cristina reggini 01/25/2012 11:50



il consiglio che danno gli esperti nella Guida è di rivolgersi al medico di base che, si spera, darà le giuste indicazioni.